La costruzione della chiesa risale al 1968, dedicata alla natività di Maria Vergine, quale chiesa sussidiaria della Parrocchia di San Rocco. In una zona   periferica della città viene edificata una chiesa inizialmente povera , priva di strutture, pavimentazioni ed elementi fondamentali in un quartiere povero, ma con una forma ed una struttura architettonica giovane- mobile identificata come una TENDA, tenda di Dio fra gli uomini.

Si colloca in un ambiente religioso di diverso carattere sociale e culturale . con l’espansione urbanistica del quartiere S. Vittore, l’aumento del numero  degli abitanti e di fedeli , la chiesa fu promossa a Parrocchia nel 1973.

Ad abbellirla, arricchirla esternamente ed internamente , oltre alla elevazione del quartiere alla parità con gli altri quartieri, sono  stati, il coraggio , la costanza , la fede, gli sforzi di don Piero Romersi , primo parroco, amico dell’arte e degli artisti che ha fatto diventare la chiesa un museo d’arte moderna che dal punto di vista estetico e culturale si inserisce in un contesto in cui tutta la comunità è coinvolta ad apprezzare, prova ne è che dopo una visita ed aver pregato bene, si esce cristianamente arricchiti di cultura e di fede.

Un ulteriore segnale di unicità del quartiere è il campanile che svetta con i suoi 28 metri di altezza e con le sue dodici campane affianca esternamente la Chiesa degli Artisti.